ABBIAMO UN SOGNO

Che in ogni parrocchia, in ogni rettoria, in ogni chiesa possa risorgere la Confraternita del Rosario.
Quanti immensi benefici porta in parrocchia questa Casa di preghiera ideata da Maria Santissima, non li possiamo enumerare e neppure immaginare tutti: la Confraternita è il Manto di Maria che ricopre la parrocchia e la rende invulnerabile agli attacchi di Satana; le famiglie ricevono protezione, la vita consacrata ritrova nuove energie e nascono nuove vocazioni, i defunti ricevono suffragio, si respira la gioia, sparisce la tristezza; la Confraternita è il focolare tenuto in piedi dai "novelli Samuele", addetti al fuoco della carità, mediante i carboni vivi dei Pater Noster e delle Ave Maria.
Nelle Chiese dove sorge la Confraternita si promana per tutto il quartiere e la città un'aria di primavera. Noi, Confraternita del Rosario della Parrocchia di San Luca lo abbiamo sperimentato come vero, e vi invitiamo a sperimentarlo anche voi.
E' facilissimo erigere una Confraternita: basta solo che vi siano un paio di persone motivate, che si riuniscano la domenica, l'orario delle antiche confraternite, un'ora e mezza prima della Messa vespertina, e, se c'è il sacerdote o un diacono, o una suora, esporre il Santissimo Sacramento, e a turno si recitano i quindici Misteri del Rosario, secondo l'ordito classico voluto dalla Madonna del Rosario (misteri gaudiosi, dolorosi e gloriosi), a cui si possono aggiungere, nel quinto mistero gaudioso, il ricordo dei Misteri della luce, cari al Beato Giovanni Paolo II. Alla fine, la lettura del Vangelo del giorno e la lettura di una pagina del Libro del Rosario del Beato Alano, disponibile gratuitamente nel nostro sito, ed un brevissimo commento.
Ogni Confraternita abbia un quadro grande della Madonna di Pompei (si può ordinare direttamente dal Santuario di Pompei), un registro delle intenzioni di preghiera, che viene messo su un tavolino davanti al Quadro della Madonna del Rosario ed un Libro degli iscritti che si porta due volte l'anno: la prima domenica di maggio e la prima domenica di ottobre, per far firmare i nuovi iscritti, ai quali si può regalare il Rosario dai quindici misteri (si può ordinare presso il nostro sito, a prezzo di costo, o prenderlo a Roma nella Basilica di Santa Sabina o realizzarlo da soli).
Quando la Confraternita avrà almeno 20 membri, iniziare il riconoscimento presso la Curia, e, ottenuta la prima approvazione dello Statuto, si potrà fare la solenne cerimonia di vestizione dell'abito di Confraternita. Noi, a Roma, abbiamo scelto una tunica monastica bianca col cappuccio, una medaglia della Madonna del Rosario al collo ed un cingolo azzurro.
La Confraternita del Rosario, per volontà di Maria SS., che ne ha rivelato gli Statuti, non ha alcun obbligo, ma ha solo due vincoli: la Confraternita è assolutamente gratuita, non ci sono cestini che passano, né nessuna offerta va richiesta; chi vuole contribuire al decoro della Confraternita lo può fare personalmente (ad esempio portando fiori ecc,); la Confraternita è libera, ognuno entra ed esce quando vuole, e non bisogna mai recriminare o rimproverare nessuno se si iscrive e poi manca dalla Confraternita. Basta iscriversi e pregare almeno Tre Corone da cinquanta Ave Maria a settimana. La preghiera del Rosario fatta dai membri, infatti, agisce ovunque venga detta e Maria SS. dispensa i rosari recitati ai membri secondo le necessità di ciascuno.
Chi volesse conoscerci, vi invitiamo alla nostra Confraternita a Roma, Parrocchia San Luca Evangelista, via Luchino dal Verme 50, 00176 Roma, la domenica pomeriggio alle ore 17. Per chiarimenti, dubbi, consigli potete scrivere all'email: segreteria@beatoalano.it